Ricreiamo insieme la magia delle bolle di sapone che ci ha affascinato tutti quando eravamo piccoli con lievi "soffi" di poesia, disegni, fotografie particolari, dipinti realizzati di nostro pugno. Aspettiamo le vostre segnalazioni per pubblicarle in questa pagina: scriveteci a naturautentica@gmail.com, oppure compilate il modulo qui sotto.

Consonanza

LU.CO.

Raggiunta

l'assoluta sintonia con la natura,

ogni risposta affiora. 

Tutto il resto

è preparazione.

Sonnambulismo

LU.CO.

Nel buio di una giornata estiva

ho attraversato distrattamente la strada

nel deserto della folla;

finché una quercia

mi ha puntato un dito contro:

solo allora ho aperto gli occhi.

Nuvole di sabbia

DA.LO.

Scelgo la fresca radura o il vuoto inestinguibile?

La risposta non fiorisce scontata.

Condivido la pelle sottile con il calore evaporato nella notte,

godo dei colori rugiadosi, dei piccoli ticchettii delle formiche in transito,

dello zampettare incosciente sulle mie ossa?

O svuoto i sensi dal desiderio di bere vibrazioni e unisco il mio anelito

a quello degli altri esseri, senza frattura, dimensione, dubbio e spazio nostalgico?

La risposta non sfonda l’incertezza del cuore.

E ancora una volta la mente si biforca, alzando nuvole di sabbia

che confondono la lucida via della terra d’origine,

dove posso colorare l’assenza di presenza, la caducità d’eternità.

Please reload

Veleggio sul confine

DA.LO.

Veleggio sul confine di una terra bruciata

da bestie infangate e angeli di spada

che inesorabilmente sferrano i loro colpi mortali.

Ma sento il richiamo dell'odoroso alito boschivo

che allieta le secche foglie adagiate sotto le primule in fiore

senza domandarsi cosa sognavano per la loro vita,

perché non dubita che loro siano la vita.

Eppure cado, cado e ricado.

Il crinale è come ricurvo e richiama indietro

avvinghiando capelli nella sua sterpaglia.

Mi circondano ancora infiniti pulpiti ed efferatezze,

svaniti nell'attimo di pace.

Così oggi

DA.LO.

Così oggi,

al dolce sussurro di poche parole

appoggiate su un povero foglio

raggrinzito e già usato,

mi sciolgo dalla gelida scorza,

ancorata alla vergine grotta

sprangata di rossa violenza,

per risalire con la linfa della betulla

e le piume del pettirosso

verso la sorgente,

dove presenzio al dolore e all’amore.

Please reload

Hanno contribuito:

Silvia Canavese
Antonella Capucci Sarah Clemente
Luciana Cortelazzi
Daniela Lodigiani
Maristella Maddi
Federica Paggi
Ivana Paolini
Ana Pastore
Cristina Scimè
  • naturAutentica
  • Instagram
        naturAutentica aps
associazione di promozione sociale
c.f. 97786180154
naturautentica@gmail.com
via Magliocco, 9 Milano
whatsapp 351 6778983